Provincia di Catania Regione Sicilia

Home > Sportello disabili > La compilazione telematica del certificato da parte del medico abilitato dall’INPS

La compilazione telematica del certificato da parte del medico abilitato dall’INPS

Per "attivare" la nuova procedura, per il riconoscimento del proprio stato di handicap o di invalidità, occorre recarsi presso un medico abilitato alla compilazione telematica del certificato medico "introduttivo" attestante la natura delle infermità invalidanti.


La compilazione e la trasmissione telematica del certificato viene effettuata tramite il sistema informatico dell’INPS ed è quindi consentita ai soli medici abilitati.

I medici certificatori devono infatti essere accreditati presso il sistema dell’INPS, cioè essere in possesso del PIN (un codice numerico personalizzato), per permettere di identificarli in ogni successiva certificazione.


L’elenco aggiornato dei medici certificatori accreditati è consultabile sul sito web dell’INPS.

In base ai modelli di certificazione predisposti dall’INPS il certificato deve contenere i seguenti dati del richiedente:

  • dati anagrafici
  • le patologie invalidanti e la tipologia di menomazione (dati clinici e diagnosi)
  • indicazione dell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o della impossibilità di compiere gli atti quotidiani della vita senza assistenza continua (in caso di richiesta di indennità di accompagnamento)
  • indicazione specifica delle finalità del certificato (per invalidità civile - cecità - sordità - handicap L. 104/1992 - disabilità L. 68/1999)


Il certificato deve inoltre indicare espressamente se sono presenti:

    • patologie oncologiche in atto (per poter fruire delle previsioni della L. 80/2006)
    • patologie gravi o stabilizzate, elencate nel D.M. del 2/8/2007, che danno titolo alla non rivedibilità (per poter contenere i tempi di convocazione a visita entro 15 giorni)


Avvertenze

1. E’ molto importante specificare esattamente "la tipologia della richiesta" (invalidità, handicap o disabilità) perché questa comporta sia una eventuale diversa composizione della Commissione che effettuerà la visita medica sia il godimento di benefici e/o agevolazioni di diversa natura e specie.

2. In caso di patologie oncologiche è possibile richiedere, in base alla L. 80/2006, la procedura d’urgenza per il riconoscimento dell’invalidità civile e della situazione di grave handicap presso l’Azienda USL di appartenenza. Consultare Approfondimenti sul riconoscimento dell’handicap/invalidità

3. Il certificato medico non è richiesto nel caso di sola domanda di collocamento mirato in base alla L. 68/1999 perché la domanda può essere presentata esclusivamente da chi ha già ottenuto il riconoscimento dello stato di invalidità con una percentuale superiore al 45% oppure il riconoscimento della condizione di cieco civile o sordo.

Sarà tuttavia necessario esibire all’atto della visita da parte della Commissione Medica Integrata il verbale dell’avvenuto riconoscimento.


Il medico, dopo l’invio telematico all’INPS, consegna all’interessato:

  • la stampa del certificato introduttivo firmata in originale (da esibire all’atto della visita)
  • la stampa della ricevuta di trasmissione con il numero del certificato (il numero è da riportare nella domanda per l’abbinamento dei 2 documenti)


Il certificato medico può riferirsi a differenti richieste di benefici e/o prestazioni. Saranno possibili successive ristampe del certificato e della relativa ricevuta solo da parte dello stesso medico certificatore.

Ai fini dell’abbinamento con la domanda, il certificato ha una validità massima di 30 giorni dalla data del rilascio. Decorso questo termine sarà necessario richiedere al medico un nuovo certificato.


Logo disabili

Ritorna al menù aree tematiche