Provincia di Catania Regione Sicilia

Home > Sportello disabili > ModalitÓ per il ricorso avverso il giudizio della Commissione Medica Locale per il rilascio della patente speciale

ModalitÓ per il ricorso avverso il giudizio della Commissione Medica Locale per il rilascio della patente speciale

Contro il giudizio di non idoneitÓ alla guida espresso dalla Commissione Medica Locale Ŕ possibile produrre ricorso.

Il ricorso pu˛ essere presentato anche nel caso in cui si ritengano gli adattamenti prescritti dalla Commissione Medica Locale o la durata di validitÓ della patente non appropriati al proprio stato fisico.




L’art. 23 della L. 120/2010 ("Disposizioni in materia di sicurezza stradale") ha modificato il comma 5 dell’art. 119 del Codice della Strada.

Con tale modifica Ŕ stato superato il previgente sistema di tutela fondato sulla possibilitÓ di presentare ricorso gerarchico avverso i giudizi delle commissioni mediche ed ha introdotto un sistema pi¨ semplificato.

Resta comunque ferma la possibilitÓ, giÓ prevista, di tutela giurisdizionale (ricorso al TAR) o apprestata con il ricorso straordinario al Capo dello Stato.

La nuova normativa Ŕ entrata in vigore il 13 agosto 2010.

Quindi, eventuali ricorsi gerarchici, avverso i giudizi delle Commissioni Mediche Locali, emessi dal 13 agosto 2010 e proposti con il sistema precedente saranno ritenuti inammissibili.


Quindi la persona disabile che intenda presentare ricorso avverso il giudizio della commissione medica potrÓ in alternativa:


  • proporre immediatamente ricorso al Tar (entro 60 giorni dalla data della notifica del provvedimento)


  • proporre ricorso straordinario al Presidente della Repubblica (entro 120 giorni dalla data della notifica del provvedimento)


  • sottoporsi, a sua richiesta e a sue spese, a nuova visita medica da effettuarsi presso gli organi sanitari periferici della Soc. Rete Ferroviaria Italiana s.p.a.


Il nuovo sistema di tutela avverso i giudizi delle Commissioni Mediche Locali


In base al nuovo sistema di tutela introdotto dalla recente legge la richiesta di nuova visita dovrÓ essere effettuata direttamente (senza necessitÓ di passagi intermedi come nel precedente sistema).

Se gli organi sanitari delle F.S. perverranno ad una diversa e pi¨ favorevole valutazione medica, sarÓ possibile produrre direttamente la nuova certificazione sanitaria agli uffici della Motorizzazione Civile competente per il riesame, ed eventuale modifica, in autotutela.

Per quanto riguarda i termini per per la produzione della nuova certificazione, pi¨ favorevole, degli organi sanitari delle F.S. la nuova normativa prevede che debba essere prodotta entro il termine massimo di 120 giorni (cioŔ, entro i termini previsti per l’eventuale ricorso al TAR o al Capo dello Stato).

La produzione della nuova certificazione oltre il suddetto termine massimo comporterÓ la stabilizzazione della valutazione della Commissione Medica Locale e la decadenza dalla possibilitÓ di esperire il ricorso giurisdizionale al TAR o straordinario al Capo dello Stato.


Solo nel caso in cui:

  • sia possibile dimostrare di aver tempestivamente e nei termini richiesto la visita medica agli organi sanitari delle F.S.

e

  • il ritardo nella presentazione della nuova certificazione "pi¨ favorevole" sia imputabile esclusivamente ai tempi di attesa per l’effettuazione della visita stessa

l’Ufficio della Motorizzazione Civile potrÓ comunque procedere al riesame in autotutela della certificazione.


Per reperire gli indirizzi delle unitÓ sanitarie territoriali delle F.S. Ŕ possibile consultare la sezione Libera circolazione di persone e beni - Le strutture aperte al pubblico sul sito della Rete Ferroviaria Italiana www.rfi.it




Logo disabili

Ritorna al men¨ aree tematiche