Provincia di Catania Regione Sicilia

Home > Sportello disabili > Presupposti e decadenza del diritto a tutte le agevolazioni fiscali

Presupposti e decadenza del diritto a tutte le agevolazioni fiscali

Presupposti


1) Per godere dei benefici fiscali previsti dalle norme vigenti è sempre richiesto che il veicolo sia intestato:


  • al disabile

oppure

  • alla persona alla quale il disabile è fiscalmente a carico, cioè, un familiare che ha sostenuto la spesa nell’interesse del disabile, a condizione che questi sia a suo carico ai fini fiscali.

Per essere ritenuto “a carico fiscalmente” il disabile deve avere un reddito complessivo annuo entro la soglia di euro 2.840,51.

Quindi, al di sopra di questo limite, per poter usufruire delle agevolazioni fiscali, occorrerà necessariamente che il veicolo e i documenti di spesa siano intestati al disabile (e non al suo familiare).

Ai fini del limite suindicato, non si tiene conto dei redditi esenti (le pensioni sociali, le indennità comprese quelle di accompagnamento, le pensioni e gli assegni erogati ai ciechi civili, ai sordi preverbali e agli invalidi civili) e di quelli soggetti a ritenuta a titolo d’imposta o ad imposta sostitutiva.

Devono invece essere considerati tutti quei redditi che concorrono alla formazione del reddito complessivo imponibile, anche nel caso in cui questi non debbano essere, in parte o in tutto, dichiarati.


Casistiche particolari:

    • nel caso in cui una persona abbia fiscalmente a carico più disabili, la stessa, può fruire, nell’arco del medesimo quadriennio, delle agevolazioni fiscali previste per l’acquisto di autoveicoli per ogni disabile a suo carico.
    • nel caso di genitori separati che hanno fiscalmente a carico il disabile, è escluso che possano godere separatamente delle agevolazioni per due veicoli.
    • nel caso in cui il disabile sia a carico di un familiare che non presenta la dichiarazione dei redditi si perde la detrazione d’imposta del 19% ma non le altre eventuali agevolazioni.


Quindi, se il veicolo non è intestato al portatore di handicap/invalido, occorre presentare:

a. copia dell’ultima dichiarazione dei redditi o del CUD da cui risulta che il disabile è a carico dell’intestatario del veicolo

oppure

b. dichiarazione sostitutiva di certificazione che attesti che il disabile è fiscalmente a carico del familiare intestatario del veicolo.


Per "familiare del disabile" si intende:

il coniuge, i fratelli, le sorelle, i suoceri, le nuore e i generi, gli adottanti, nonchè i figli e i genitori, in mancanza dei quali subentrano i discendenti o gli ascendenti più prossimi.


2) Altro presupposto indispensabile per godere dei benefici fiscali è che il veicolo sia destinato funzionalmente alla mobilità del disabile.

Ciò è stato espressamente stabilito anche dalla legge finanziaria del 2007 che ha precisato che il riconoscimento delle agevolazioni fiscali, nel caso di veicoli adattati per la locomozione dei disabili con ridotte o impedite capacità motorie, è subordinato all’uso esclusivo o prevalente del veicolo a beneficio dei predetti soggetti.

Decadenza


Le agevolazioni fiscali sono riconosciute per un solo veicolo.

Sarà possibile beneficiare delle stesse per un secondo veicolo solo se il primo viene venduto o cancellato dal Pubblico Registro Automobilistico.

La legge finanziaria del 2007 ha introdotto una nuova norma: la decadenza da tutti i benefici fiscali, con obbligo di restituzione, nel caso di vendita o cessione a titolo gratuito del veicolo entro i due anni successivi all’acquisto.

In pratica, se il veicolo viene venduto o regalato prima che siano trascorsi due anni dalla data dell’acquisto, dovrà essere corrisposta la differenza tra l’imposta che era dovuta in assenza di benefici e quella agevolata.

La norma non si applica solo nel caso di cessioni motivate dalla necessità di acquistare un nuovo veicolo, su cui realizzare nuovi e diversi adattamenti, per mutate condizioni dell’handicap. In questo particolare caso l’acquisto di un nuovo veicolo potrà avvenire anche prima del decorso dei quattro anni. Il termine dei quattro anni è specificatamente previsto per la detrazione Irpef e per la riduzione Iva.

Una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate (n. 136/E del 28 maggio 2009), relativa all’Iva agevolata, ha inoltre chiarito che la decadenza dai benefici fiscali non si verifica quando, entro due anni dall’acquisto, il veicolo viene rivenduto o ceduto gratuitamente dall’erede che lo ha ricevuto in eredità dalla persona disabile deceduta.


Logo disabili

Ritorna al menù aree tematiche