Provincia di Cremona Regione Lombardia

Home > DOMANDE FREQUENTI  > PRA > Come fare una autentica di firma sul Certificato di proprietÓ digitale?

Come fare una autentica di firma sul Certificato di proprietÓ digitale?

Se siamo in presenza di un certificato di proprietÓ digitale ( Cdpd ), prima di poter essere utilizzato come supporto per una scrittura privata autenticata, deve essere “ de-materializzato “ presso un Ufficio PRA o in un’agenzia di pratiche auto. Solo dopo questo passaggio l’utente pu˛ recarsi in Comune per l’autentica di firma ( di fatto il Cdpd de-materializzato ha lo stesso aspetto di un Cdp cartaceo per˛ stampato su un comune foglio bianco A4 – il documento viene prodotto giÓ compilato con i dati dell’acquirente ). Il D L.vo 98 del 2017 ha introdotto il Documento Unico ( D.U. ) che entrerÓ a regime ad ottobre 2020. Il citato decreto sta sostituendo il certificato di proprietÓ digitale e la carta di circolazione con il Documento Unico che non potrÓ essere utilizzato mai come supporto cartaceo per eventuali atti di vendita. In presenza di un D.U. gli atti di vendita saranno quasi per la totalitÓ nativi digitali e si redigeranno presso il PRA o in un’agenzia di pratiche auto. Un utente pu˛ recarsi in comune per la sottoscrizione solo con un atto di vendita redatto sul cdp cartaceo ( progressivamente in esaurimento ) , su un Cdp digitale de-materializzato ( anch’esso in esaurimento ) o con un atto redatto su foglio bianco che contenga tutti gli elementi tipici della dichiarazione unilaterale di vendita. L’articolo 7 Legge 248/2006 prevede ancora la possibilitÓ di autenticare gli atti di vendita in Comune con la condizione che ci˛ avvenga sul supporto cartaceo corretto.