Vai direttamente ai contenuti
Logo Provincia di Firenze Logo Regione Toscana

Home > Visura nominativa attuale e storica richiesta da avvocato

Visura nominativa attuale e storica richiesta da avvocato

La richiesta deve essere finalizzata alla instaurazione di un procedimento giudiziario o a supportare gli atti da produrre in procedimenti già instaurati.

Le visure vengono effettuate in base al codice fiscale dell’intestatario.

La visura nominativa attuale permette di conoscere chi sia l’attuale intestatario di un veicolo. In caso di leasing, la visura nominativa attuale riporta i dati relativi al locatore e i dati del locatario. La visura nominativa attuale dà evidenza anche dei veicoli radiati o per i quali sia stata annotata la perdita di possesso.

La visura nominativa storica permette di conoscere quali sono stati i veicoli intestati nel tempo a una determinata persona (fisica o giuridica) e successivamente venduti.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

1. Copia dell’atto del procedimento in sede giudiziaria dal quale si evinca l’interesse alla cognizione delle informazioni richieste (ad es. atto di citazione o decreto ingiuntivo contro il soggetto di cui si chiede la visura ecc.) o, in alternativa, dichiarazione sostitutiva di atto notorio contenente le medesime informazioni.

Se l’azione giudiziaria ancora non è stata attivata, l’avvocato che ha ricevuto dal cliente mandato per l’attivazione dell’azione giudiziaria deve compilare una dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui indica le finalità per cui viene richiesta la Visura nominativa.

2. Fotocopia del documento di iscrizione all’Albo o, in alternativa dichiarazione sostitutiva di atto notorio relativa alla qualità di avvocato e ai dati anagrafici.

3. Documento di identità in corso di validità dell’avvocato e una fotocopia completa fronte e retro del documento di identità

4. Eventuale delega, documento di identità in corso di validità del delegato e una fotocopia completa fronte e retro del documento di identità di delegato e delegante


MODULISTICA

- L’avvocato richiedente deve compilare e firmare il modulo di richiesta di visura nominativa

Nel modulo di richiesta occorre riportare sempre, oltre ai dati del richiedente, i dati anagrafici completi e la Partita Iva/Codice Fiscale del soggetto di cui si chiede la visura.
- Se l’avvocato non presenta personalmente la richiesta di visura occorre una delega che può essere redatta direttamente dall’avvocato oppure può utilizzare il modello di delega PRA.

Regolamento U.E. 2016/679 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 27 aprile 2016, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione dei dati: leggi informativa privacy.


QUANTO COSTA

Il servizio è a pagamento esclusi i casi espressamente previsti dalla legge. In caso di esenzione occorre indicare sul modulo di richiesta la normativa che la prevede.

La visura nominativa attuale costa € 6,00 per ogni nominativo richiesto più € 6,00 per ogni visura su targa estratta da versare alla cassa in contanti o con carte di debito del circuito PagoBancomat, VISA (inclusi V-PAY e VISA Electron) e Mastercard (incluso Maestro) o con le carte di debito prepagate a condizione che si tratti di carte dei circuiti suindicati (non sono pertanto accettate le carte PostePay che non usano i suddetti circuiti). Non sono accettate le carte di credito.

La visura nominativa storica costa € 25,63 per ogni nominativo richiesto, da versare alla cassa in contanti o con carte di debito del circuito PagoBancomat, VISA (inclusi V-PAY e VISA Electron) e Mastercard (incluso Maestro) o con le carte di debito prepagate a condizione che si tratti di carte dei circuiti suindicati (non sono pertanto accettate le carte PostePay che non usano i suddetti circuiti). Non sono accettate le carte di credito.


La visura nominativa attuale può essere richiesta esclusivamente presso lo sportello del PRA personalmente o incaricando un proprio delegato di fiducia.

La visura nominativa storica può essere presentata dall’avvocato al proprio PRA di riferimento (dove ha sede lo studio legale) anche via PEC allegando alla documentazione necessaria la ricevuta del bonifico bancario effettuato sul conto corrente intestato all’Automobile Club d’Italia, codice IBAN:

IT 81 O 01005 03211 000000 200004

indicando la seguente causale: pagamento visura nominativa storica su ___________richiesta all’Ufficio ACI di Firenze.

La PEC dell’Ufficio ACI di Firenze è: ufficioprovincialefirenze@pec.aci.it.

La visura nominativa attuale e storica può essere presentata anche rivolgendosi alle agenzie di pratiche automobilistiche, comprese le delegazioni ACI, con costi per il servizio di intermediazione offerto in regime di libero mercato.


CASI PARTICOLARI

Accesso alla banca dati PRA ex art. 492 bis cpc e art. 155-ter, art. 155 quater, art. 155 quinquies e art. 155 sexies disp.att.cpc

Il creditore procedente può richiedere personalmente o per il tramite dell’Avvocato patrocinante, il rilascio gratuito di visure nominative, allegando al modulo di richiesta della visura nominativa l’autorizzazione del Giudice all’accesso alla banca dati del PRA.

Le disposizioni trovano applicazione in caso di ricerca di beni da pignorare, in caso di sequestro conservativo, procedimenti in materia di famiglia (es. separazione, divorzio) e procedimenti relativi alla gestione di patrimoni altrui ( es. interdizione, inabilitazione, amministrazione di sostegno ecc.)

Le disposizioni di cui all’art 492 bis e art. 155 quinquies disp. att. si applicano ai procedimenti esecutivi iniziati a decorrere dall’11 dicembre 2014.

Le ulteriori previsioni introdotte dall’art. 155-sexies disp att cpc si applicano alle richieste di accesso presentate a decorrere dall’11 novembre 2014 anche per i procedimenti già iniziati.

In questi casi è possibile inviare via PEC il modulo di richiesta firmato digitalmente, la fotocopia del documento di identità in corso di validità dell’avvocato e l’autorizzazione del giudice all’accesso alla banca dati del PRA.


STAMPA


Data ultimo aggiornamento di questo articolo 02/07/2019


torna all’elenco