Vai direttamente ai contenuti
Logo Provincia di Firenze Logo Regione Toscana

Home > Cancellare il concordato preventivo

Cancellare il concordato preventivo

La legge fallimentare non prevede la notifica d’ufficio. Per questo motivo, la cancellazione dal PRA del concordato preventivo avviene su richiesta dalla parte interessata.

La richiesta può essere presentata senza prenotare un appuntamento presentandosi personalmente agli sportelli del PRA negli orari di apertura al pubblico.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

1. Certificato di proprietà oppure Certificato di Proprietà digitale, emesso a partire dal 5 ottobre 2015 o Foglio Complementare

2. Decreto di avvenuta esecuzione del concordato preventivo in copia conforme all’originale rilasciato dalla cancelleria del tribunale. La copia conforme è esente dall’imposta di bollo nei casi previsti dall’art. 18 del T.U. sulle spese giudiziarie (DPR N 115/2002).

3. Documento di identità in corso di validità dell’intestatario

4. Codice fiscale dell’intestatario al PRA.


CASI PARTICOLARI

Se un veicolo è venduto nell’ambito della liquidazione del patrimonio, non essendo ancora conclusa la procedura concorsuale non è possibile allegare il decreto di avvenuta esecuzione del concordato preventivo, che in generale costituisce titolo per la cancellazione della relativa annotazione al PRA. In questo caso occorre allegare la copia conforme del decreto con cui il giudice ordina la cancellazione delle iscrizioni relative ai pignoramenti, sequestri, fallimento o altri vincoli sul veicolo venduto.


MODULISTICA

1. Modello NP3C. Se la richiesta è presentata personalmente allo sportello del PRA non occorre precompilare la modulistica.

2. Delega PRA Se l’intestatario non presenta personalmente la pratica. Il delegato deve presentarsi col proprio documento di identità in corso di validità e una fotocopia completa del documento di identità del delegante.


QUANTO COSTA

Se l’intestatario è residente a Firenze o in provincia di Firenze:

- Imposta Provinciale di Trascrizione (I.P.T.): € 196,00

- Emolumenti e diritti PRA: € 27,00

- Imposta di Bollo: € 48,00

Gli importi previsti per legge si versano alla cassa in contanti o con carte di debito del circuito PagoBancomat, VISA (inclusi V-PAY e VISA Electron) e Mastercard (incluso Maestro) o con le carte di debito prepagate a condizione che si tratti di carte dei circuiti suindicati (non sono pertanto accettate le carte PostePay che non usano i suddetti circuiti).

Non sono accettate le carte di credito.

- Le pratiche automobilistiche possono essere svolte curando personalmente tutti gli adempimenti necessari o rivolgendosi alle Agenzie di pratiche auto o Delegazioni ACI. In questo caso vanno previsti costi ulteriori (variabili in regime di libero mercato) per il servizio di intermediazione fornito.


STAMPA


Data ultimo aggiornamento di questo articolo: 12/08/2019


torna all’elenco