Vai direttamente ai contenuti
Logo Provincia di Firenze Logo Regione Toscana

Home > Trascrivere il sequestro conservativo

Trascrivere il sequestro conservativo

La richiesta di trascrizione del sequestro conservativo pu˛ essere presentata personalmente allo sportello del PRA negli orari in cui l’ufficio Ŕ aperto al pubblico, senza necessitÓ di prendere preventivamente un appuntamento.

La trascrizione del sequestro conservativo Ŕ prevista all’art. 2693 del codice civile, che richiede, come unico requisito, che il provvedimento sia stato notificato al debitore.

Il sequestro conservativo pu˛ essere ordinato su un singolo bene oppure sulla generalitÓ dei beni che fanno parte del patrimonio del debitore, in questo secondo caso Ŕ sufficiente che il richiedente identifichi nelle note di trascrizione i numeri di targa dei veicoli su cui trascrivere il sequestro conservativo.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

1. Copia conforme del provvedimento di sequestro emesso dall’autoritÓ giudiziaria competente (decreto di sequestro o verbale di avvenuto sequestro) notificata al debitore e all’intestatario al PRA del veicolo; la copia conforme Ŕ esente da imposta di bollo ai sensi dell’art. 18 DPR n. 115/2002 (T.U. spese di giustizia).

2. Certificato di ProprietÓ oppure Certificato di ProprietÓ Digitale oppure Foglio Complementare. Il Certificato di ProprietÓ Digitale Ŕ stato rilasciato per le formalitÓ presentate al PRA a partire dal 5 ottobre 2015.

Il sequestro conservativo Ŕ una formalitÓ che rientra tra quelle che, in base all’art. 12 D.M. n. 514/1992, possono essere eseguite senza l’esibizione del Certificato di proprietÓ o del Foglio Complementare (c.d. formalitÓ in odio alla parte). In mancanza del Certificato di ProprietÓ o del Foglio Complementare o della delega all’utilizzo del Certificato di proprietÓ digitale da parte dell’intestatario al PRA, il provvedimento viene annotato nell’archivio PRA ma non sarÓ rilasciato un nuovo Certificato di ProprietÓ Digitale

3. Documento di identitÓ in corso di validitÓ del richiedente

4. Occorre conoscere i codici fiscali dell’intestatario al PRA e del creditore, da indicare sulla nota di trascrizione.


MODULISTICA NECESSARIA

1. modello NP3C. Non occorre precompilare la modulistica se la richiesta Ŕ presentata personalmente allo sportello del PRA.

2. Se il creditore o l’avvocato incaricato a cui Ŕ stato conferito mandato non presenta personalmente la formalitÓ occorre compilare anche la delega PRA. Il delegato deve presentarsi con il proprio documento di identitÓ in corso di validitÓ e una fotocopia completa del documento di identitÓ in corso di validitÓ del delegante.


QUANTO COSTA

1. Emolumenti e diritti PRA: € 27,00

2. Imposta di Bollo: € 32,00 (senza rilascio del Certificato di ProprietÓ) oppure € 48,00 (con rilascio del Certificato di ProprietÓ).

In caso di esenzioni, occorre specificare sulla nota di richiesta il riferimento normativo che le prevede.

Gli importi previsti per legge si versano alla cassa in contanti o con carte di debito del circuito PagoBancomat, VISA (inclusi V-PAY e VISA Electron) e Mastercard (incluso Maestro) o con le carte di debito prepagate a condizione che si tratti di carte dei circuiti suindicati. Non sono pertanto accettate le carte PostePay che non usano i suddetti circuiti e le carte di credito.

Le pratiche automobilistiche possono essere svolte curando personalmente tutti gli adempimenti necessari o rivolgendosi alle Agenzie di pratiche auto o Delegazioni ACI. In questo caso vanno previsti costi ulteriori (variabili in regime di libero mercato) per il servizio di intermediazione fornito.


CASI PARTICOLARI

- Il sequestro conservativo Ŕ trascritto anche se l’intestatario al PRA del veicolo Ŕ un soggetto diverso dal destinatario del provvedimento di sequestro, purchÚ tale provvedimento sia stato notificato anche all’intestatario ai sensi dell’art. 12 D.M. 514/1992.

- L’annotazione del sequestro conservativo non impedisce la successiva trascrizione del trasferimento di proprietÓ del veicolo sottoposto a sequestro, ma l’atto di vendita trascritto successivamente non ha efficacia nei confronti del creditore procedente.


STAMPA


Data ultimo aggiornamento di questo articolo: 13/08/2019


torna all’elenco