Vai direttamente ai contenuti
Logo Provincia di Firenze Logo Regione Toscana

Home > Perdere il possesso del veicolo per demolitore inadempiente

Perdere il possesso del veicolo per demolitore inadempiente

Dal 21 maggio 2019 nuove modalità di accesso agli Sportelli del PRA. Attivazione del servizio obbligatorio per appuntamento.

E’ possibile prenotare un appuntamento direttamente dalla home page del sito di questa Direzione Territoriale ACI nella sezione In sede - Prenotazione Servizi PRA oppure cliccando qui oppure presentandosi personalmente al PRA con numero di targa del veicolo, documento di identità, codice fiscale, numero di cellulare ed eventuale email dell’interessato.


Se il veicolo è da rottamare deve essere consegnato a un demolitore autorizzato, che rilascia all’interessato il certificato di rottamazione, che deve essere conservato con cura, perché solleva l’intestatario da ogni responsabilità penale, civile ed amministrativa sul veicolo. Il certificato di rottamazione è considerato "atto di data certa" anche per interrompere l’obbligo tributario (tassa automobilistica).

Se il demolitore non ha presenta la radiazione al PRA, l’intestatario o il suo avente titolo (erede, acquirente) può richiedere la perdita di possesso per demolitore inadempiente.


DOCUMENTAZIONE NECESSARIA

1. Dichiarazione di presa in carico del veicolo o certificato di rottamazione, rilasciati dal concessionario o dal centro di raccolta nel periodo in cui era autorizzato all’esercizio dell’attività di smaltimento

2. Documento di identità in corso di validità del richiedente e una fotocopia completa fronte e retro del documento di identità

- Se il veicolo è intestato a una società: dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante con documento di identità in corso di validità del legale rappresentante e una fotocopia completa del documento di identità.

3. Codice fiscale del richiedente.


MODULISTICA NECESSARIA

1. modello NP3C

2. Delega PRA da allegare al modello NP3C se l’interessato non presenta personalmente la pratica di perdita di possesso.

Il delegato si deve presentare col proprio documento di identità in corso di validità e una fotocopia completa fronte e retro del documento di identità del delegante.


CASISTICHE PARTICOLARI

Se il veicolo è stato consegnato ad un soggetto non autorizzato, l’interessato può presentare solo una perdita di possesso con dichiarazione sostitutiva di atto notorio. L’obbligo di corrispondere la tassa automobilistica, in questo caso, viene meno a decorrere dal periodo di imposta successivo alla data di presentazione al PRA della perdita di possesso. Per informazioni cliccare qui:

Perdere il possesso del veicolo per qualsiasi altro evento non documentabile


CHI PUO’ RICHIEDERE LA PERDITA DI POSSESSO

La richiesta deve essere presentata:
- dall’intestatario del veicolo o da chi ne ha la rappresentanza legale
- dagli eredi dell’intestatario
- dai soggetti chiamati all’eredità che abbiano rinunciato formalmente
- dal procuratore generale dell’intestatario, comprensiva di ogni genere di operazioni sul veicolo (sono esclusi i rivenditori in possesso di procura speciale a vendere, a meno che nella procura speciale non sia espressamente prevista la possibilità di dichiarare la perdita di possesso
- dal curatore fallimentare dell’intestatario.


QUANTO COSTA

- Emolumenti e diritti PRA: esente

- Imposta di bollo € 32,00.

Gli importi previsti per legge si versano alla cassa in contanti o con carte di debito del circuito PagoBancomat, VISA (inclusi V-PAY e VISA Electron) e Mastercard (incluso Maestro) o con le carte di debito prepagate a condizione che si tratti di carte dei circuiti suindicati. Non sono pertanto accettate le carte PostePay che non usano i suddetti circuiti e le carte di credito.

Le pratiche automobilistiche possono essere svolte curando personalmente tutti gli adempimenti necessari o rivolgendosi alle Agenzie di pratiche auto o Delegazioni ACI. In questo caso vanno previsti costi ulteriori (variabili in regime di libero mercato) per il servizio di intermediazione fornito.


ATTENZIONE

- Con l’annotazione della perdita di possesso per “demolizione non effettuata”, l’obbligo di corrispondere la tassa automobilistica viene meno a decorrere dal periodo di imposta successivo alla data di rilascio della presa in carico/certificato di rottamazione da parte dei soggetti autorizzati e non viene rilasciato il certificato di proprietà digitale.


STAMPA


Data ultimo aggiornamento di questo articolo: 10/05/2019


torna alla Guida alle pratiche automobilistiche