Home > Avvisi > RADIAZIONE PER ESPORTAZIONE

RADIAZIONE PER ESPORTAZIONE

DEVI ESPORTARE UN VEICOLO ALL’ESTERO?


A partire dal 14 luglio 2014 la richiesta di radiazione per esportazione potrÓ essere presentata solo dopo che il veicolo sia stato giÓ trasferito all’estero.

COSA DEVI PRESENTARE

- Per i veicoli esportati ed immatricolati all’estero, alla formalitÓ di radiazione per esportazione dovrÓ essere sempre allegata la fotocopia della Carta di Circolazione estera o l’attestazione di avvenuta reimmatricolazione all’estero (con traduzione asseverata nel caso di esportazione in Paesi extra UE).
- Per i veicoli esportati ma non ancora immatricolati all’estero, alla formalitÓ di radiazione per esportazione dovrÓ essere allegata la documentazione comprovante l’avvenuto trasferimento del veicolo all’estero (es: bolla doganale, documento di trasporto, ecc.), oltre, ovviamente, all’originale della Carta di Circolazione italiana, al Certificato di ProprietÓ e alle targhe.
- Documento d’identitÓ dell’intestatario in corso di validitÓ pi¨ una fotocopia.


CHI DEVE PRESENTARE

- L’intestatario munito di documento d’identitÓ in corso di validitÓ pi¨ una fotocopia.
- Persona delegata dall’intestatario munita di apposita delega e del documento d’identitÓ in corso di validitÓ pi¨ una fotocopia.
- Persona munita di titolo idoneo in originale (es.: atto di vendita a proprio favore non trascritto al PRA, verbale di acquisto all’asta, provvedimento giudiziario della P.A., ecc.).

IMPORTANTE: il modello NP3 o il Certificato di ProprietÓ, deve comunque essere sottoscritto dall’intestatario e/o dagli eventuali cointestatari o eredi nel riquadro E.


RADIAZIONE PER ESPORTAZIONE IN UN PAESE UE

Per i veicoli esportati in Paesi UE ma non ancora reimmatricolati, il documento di trasporto (es: CMR o lettera di vettura internazionale), che pu˛ essere allegato in fotocopia, deve comprovare l’avvenuta esportazione del veicolo attraverso l’indicazione della targa o del telaio e, ovviamente, deve essere integrato con la ricevuta di consegna al destinatario estero (punto 24 del CMR).

Ai fini della radiazione per definitiva esportazione, nel caso di cessioni intracomunitarie tra operatori professionali (non imponibili IVA ex art. 41 D.L. 331/93), per le quali detti operatori hanno l’obbligo di effettuare il trasporto o la spedizione dei veicoli nel territorio di altro Stato UE, si ritiene idonea anche la sola fattura di vendita in fotocopia a favore dell’acquirente estero UE, contenente l’indicazione degli estremi identificativi del veicolo (targa o telaio) ed il riferimento IVA all’operazione intracomunitaria.

RADIAZIONE PER ESPORTAZIONE IN UN PAESE EXTRA UE

Per quanto riguarda le esportazioni in Paesi extra UE di veicoli non ancora reimmatricolati all’estero, in alternativa al documento di trasporto, la definitiva esportazione pu˛ essere comprovata allegando fotocopia della bolla doganale, riportante il codice alfanumerico di 18 cifre (MRN).


QUANTO COSTA

- Per le radiazioni verso Paesi UE o SEE versare in contanti o con le carte prepagate e di debito (bancomat) dei circuiti VISA, Mastercard e Maestro l’importo di € 57,48. Nel caso di utilizzo del modello NP3C l’importo di € 57,48 dovrÓ essere maggiorato di € 16,00 per un totale di € 73,48.

- Per le radiazioni verso Paesi extra UE versare in contanti o con le carte prepagate e di debito (bancomat) dei circuiti VISA, Mastercard e Maestro l’importo di € 45,50. Nel caso di utilizzo del modello NP3C l’importo di € 45,50 dovrÓ essere maggiorato di € 16,00 per un totale di € 61,50.


ATTENZIONE

- Divieto di radiazione per i veicoli gravati da fermo amministrativo Non Ŕ possibile dare seguito alla formalitÓ di radiazione per esportazione qualora sul veicolo risulti iscritto un fermo amministrativo. La richiesta di radiazione per esportazione potrÓ essere presentata solo ed esclusivamente dopo che sia stata richiesta al PRA la cancellazione del fermo amministrativo.

- Radiazione di veicoli sottoposti a ipoteca o vincoli Le formalitÓ di radiazione per esportazione aventi ad oggetto veicoli sui quali siano iscritte ipoteche non ancora scadute, pignoramenti, sequestri, ecc., potranno essere presentate solo a condizione che alla richiesta venga allegato l’atto di assenso alla radiazione da parte del creditore.

In caso di ipoteche non ancora scadute il titolo idoneo per poter procedere alla radiazione Ŕ l’atto di assenso del creditore reso nella forma della scrittura privata autenticata dal notaio o sentenza. In caso di vincoli di natura giudiziaria, come sequestri, congelamento dei beni e pignoramenti, alla richiesta di radiazione dovrÓ essere allegato il provvedimento di dissequestro o di revoca del pignoramento o, in alternativa, il verbale di vendita all’asta del veicolo effettuata in seguito al pignoramento trascritto al PRA (o altro provvedimento emesso dall’AutoritÓ Giudiziaria che autorizzi l’esportazione del veicolo e da cui risulti il venir meno del gravame).


NOTA BENE

Per interrompere l’obbligo del pagamento della tassa automobilistica occorre presentare la richiesta di radiazione per esportazione entro il termine di scadenza indicato sul bollo.


Scheda riepilogativa

Modulistica: NP3C - Delega PRA